Gabriele “Gabe” Grunewald, classe 1986, è un professionista mezzofondista americana che compete in distanze dagli 800 ai 5000 metri. Ha rappresentato gli Stati Uniti ai Campionati del mondo di atletica leggera indoor 2014 finendo al decimo posto e si laureata campione nazionale dei 3000 sempre nello stesso anno ai campionati di atletica indoor negli Stati Uniti

Gabe, non è un’atleta normale, o meglio lo è nella sua straordinarietà. Erano i primi di aprile del 2009, quando fu chiamata dal proprio dottore. Quella telefonata le cambiò l’esistenza per sempre: un carcinoma cistico aggressivo alle ghiandole salivari, con la necessità di sottoporsi urgentemente ad un intervento chirurgico per rimuovere le ghiandole con il tumore. Dovette subire anche un intervento per rimuovere i linfonodi vicino al nervo facciale. Nell’ottobre del 2011 le fu diagnostico un ulteriore tumore alla tiroide per il quale dovette subire una tiroidectomia parziale sulla parte sinistra del collo. [ fonte Atleticalive ]

Gabe, fa parte di quelle persone in grado di reagire ai duri colpi della vita con una tenacia e una grinta fuori dal comune.

Sono fortunata che ora vanto una buona salute . Per me, si tratta solo di approfittare di queste esperienze impressionanti!

“Penso che sia la cosa più grande che sono riuscita ad ottenere, con tutti i problemi di salute che ho avuto: devo assaporare tutte queste esperienze. Questo è il mio primo Campionato del Mondo… Spero che ce ne saranno molti di più in futuro, ma non si sa mai. Così sono qui… sto cercando di assaporare il momento e cercherò di dare il mio meglio in ogni cosa”.

“Dopo che ho passato il periodo a braccetto con il cancro, ho cercato di dare priorità ad altre cose nella mia vita, come concentrarmi su come diventare un’ottima runner. Prima di allora, ero solo una discreta collegiale. Non ero nemmeno lontanamente al livello d’elite che ho raggiunto ora”.

Il giorno della terribile diagnosi del carcinoma, la Grunewald è scesa in pista a Palo Alto qualche giorno fa e ha ottenuto il suo personale sui 5000: 15’19″01!

 

Potrebbe interessarti anche questo:

  1. Ai confini dell’impossibile

A proposito dell'autore

The Age of Sport

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata